Cooperative, il Sud traina l’Italia: +13,9% dal 2013

Il Sud traina il lavoro nelle imprese cooperative con un balzo del 13,9% negli ultimi cinque anni, trainando a livello nazionale

NAPOLI. Il Sud traina il lavoro nelle imprese cooperative con un balzo del 13,9% negli ultimi cinque anni, quattro volte in più rispetto alla media nazionale.

Imprese cooperative, la locomotiva Sud

È quanto emerge da un’elaborazione dell’Unione europea della cooperative Uecoop su dati Camera di commercio di Milano Lodi e Monza in relazione all’ultimo Osservatorio Inps sui lavoratori dipendenti in Italia. Nelle regioni del Mezzogiorno e sulle isole – spiega Uecoop – si concentra 1 occupato su 5 delle imprese cooperative per un totale di 276.284 addetti nel primo trimestre 2018 con oltre 33mila nuovi posti di lavoro creati dal 2013 a oggi.

Il Sud rappresenta anche un motore dell’imprenditoria femminile che rappresenta il 51,2% di quelle attive e al tempo stesso ha anche il primato per numero di cooperative di giovani con oltre 4mila realtà. A pesare è però la dimensione del patrimonio che per la metà delle cooperative meridionali è sotto i diecimila euro, mentre 8 su 10 hanno meno di 10 dipendenti.

Le regioni del Sud che in questi ultimi cinque anni hanno espresso la maggiore dinamicità – sottolinea Uecoop – sono la Campania con +17,9%, la Puglia con +22%, la Sardegna con +14% e il Molise, che pur con valori assoluti molto più piccoli (da 2.823 a 4.204 addetti) ha fatto registrare una crescita del +48,9%. Il sistema economico del Meridione – conclude Uecoop – ha un alto potenziale di sviluppo che deve essere valorizzato in tutti i settori, dall’edilizia all’agricoltura, dalla manifattura ai servizi, dalla logistica ai trasporti, per contribuire ancora di più alla crescita dell’intero Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.