Napoli. Condizioni igieniche scadenti, multe e sanzioni in città

Sanzioni per le attività nel centro di Napoli, l'operazione ha portato a diverse sanzioni, per il mancato rispetto delle condizioni igienico-sanitarie

nas

NAPOLI. Pesanti sanzioni per varie attività nel centro di Napoli, l’operazione condotta dai NAS ha portato a diverse sanzioni per vari commercianti, rei di non rispettare le condizioni igienico-sanitarie.

I Controlli

I Carabinieri della Stazione Stella insieme a colleghi del NAS di Napoli e personale dell’ASL Napoli 1 centro hanno effettuato un servizio per contrastare il commercio abusivo di generi alimentari e per verificare il rispetto delle norme a tutela di igiene e sanità. Il titolare 39enne di una pescheria di via Bartolomeo Caracciolo detto Carafa esponeva su una bancarella la quantità complessiva di 18 kg di mitili senza le indicazioni di tracciabilità e in condizioni igieniche non adeguate. Il locale e il deposito sono stati sottoposti a sequestro.

La merce sequestrata e avviata a distruzione. Irrogate sanzioni amministrative per 5.000 euro a una pizzeria di piazza Pagani e a una attività di commercio al dettaglio di via Fonseca, in entrambi i casi per mancanza dei minimi requisiti igienico-sanitari previsti dal regolamento CE, nonché a una farmacia di via S. Maria Antesaecula per omessa registrazione nel registro di carico e scarico di specialità medicinali stupefacenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.