Il Comune di Giugliano non partecipa alla riunione sul Giudice di pace

Il Comune di Giugliano ha disertato il summit delle amministrazioni cittadine che si sobbarcano le spese per gestire l’ufficio del Giudice di pace

MARANO. Il Comune di Giugliano ha disertato il summit delle amministrazioni cittadine (Mugnano, Marano, Melito, Villaricca, Calvizzano e Qualiano) che si sobbarcano le spese per gestire l’ufficio del Giudice di pace. Stando a quanto riporta Il Mattino, le istituzioni si sono riunite nella sala giunta del Comune di Marano, redigendo un verbale che sarà poi inviato ad Antonio Poziello, primo cittadino di Giugliano. Il documento riporta l’«impossibilità di poter gestire la struttura se l’ente giuglianese non aderirà alla convenzione sottoscritta tra le varie amministrazioni nella primavera del 2014». Commissari straordinari e sindaci, inoltre, hanno sottolineato che, a differenza di quanto sostenuto da Poziello ultimamente, «non basterà rafforzare l’ufficio di Marano con le quattro unità lavorative promesse dalla Regione (non ancora arrivate, ndr) per scongiurare la chiusura del presidio giudiziario».

Fino all’ultimo round, insomma, la lotta tra i comuni, buio totale senza il minimo spiraglio di luce. «Noi continueremo a batterci affinché i comuni del mandamento giudiziario di Marano non vengano accorpati ad Aversa – ribadiscono con toni accesi Gianfranco Mallardo e Donato Minicozzi, rispettivamente presidente e consigliere dell’Ordine degli avvocati di Napoli nord – il destino della struttura è ora nelle mani di Giugliano. Possiamo ancora discutere sulla rimodulazione dei costi di gestione, sulle spese di notifiche e sulle altre voci che incidono sulle casse dei comuni – aggiungono – ma ogni ragionamento non può prescindere dall’adesione di Giugliano alla convenzione». Qualora lo stallo dovesse proseguire a oltranza, le associazioni forensi locali si rivolgeranno ai vertici del dicastero della Giustizia chiedendo «di rendere Marano sede ministeriale e sgravare in questo modo i comuni dagli impegni assunti due anni e mezzo fa». Sentiero, questo, altrettanto poco percorribile senza ostacoli e difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.