Comdata, Gianluca Daniele (Pd): “Salvi i lavoratori della sede di Pozzuoli”

Comdata, Daniele (Pd):"Salvi i 60 lavoratori della sede di Pozzuoli". Qui di seguito le dichiarazioni dell'esponente del partito democratico

POZZUOLI. Comdata, Daniele (Pd):”Salvi i 60 lavoratori della sede di Pozzuoli”. Qui di seguito le dichiarazioni dell’esponente del partito democratico.

“Credo che oggi (ieri, ndr) sia stato fatto un passo importante per salvare i 60 lavoratori della sede Comdata Pozzuoli e le loro famiglie dagli annunciati licenziamenti”. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Comdata, salvi i 60 lavoratori di Pozzuoli

A dichiararlo il consigliere regionale Pd Gianluca Daniele a margine dell’incontro di ieri al ministero del Lavoro: “Nel corso dell’incontro al Ministero del Lavoro si è sottoscritto un importante accordo che prevede 8 mesi tra ferie e FIS (Fondo di Integrazione Salariale) e, soprattutto, l’azienda si è fatta carico di salvaguardare al termine degli 8 mesi il perimetro occupazionale. In questo periodo – prosegue Daniele –  l’azienda lavorerà affinché nuove commesse possano portare nuovo sviluppo all’attività su Pozzuoli e, laddove non si riuscisse in questo intento, che prevede anche la ricerca di una nuova sede, i lavoratori che non decideranno spontaneamente di trasferirsi in un’altra sede Comdata o che non accetteranno il contributo all’esodo non saranno licenziati. Ritengo quello di oggi (ieri, ndr) – conclude il consigliere – un grande risultato per la Campania e per il lavoro, raggiunto grazie alla lotta dei lavoratori, alle Organizzazioni Sindacali, alla buona politica e all’azienda. Non è stato facile raggiungere questo obiettivo, infatti, il percorso che ci ha portati qui è stato segnato da tante giornate di lotta, di protesta, di manifestazioni e incontri, ma alla fine, con determinazione, non un licenziamento è stato fatto e questo è ciò che conta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.