Clima impazzito, tre siti Unesco a rischio in Campania

Sono tredici - tre dei quali in Campania - i siti Unesco italiani che rischiano di scomparire entro il 2100 a causa dei cambiamenti climatici

NAPOLI. Ci sono anche – purtroppo – tre siti campani, per la precisione gli scavi di Pompei, la costiera Amalfitana e il parco archeologico di Paestum nella speciale graduatoria dei siti Unesco che rischiano di sparire entro il 2100 a causa dei cambiamenti climatici.

I siti italiani che rischiano di scomparire

Lo studio, riportato dal quotidiano Repubblica, è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications, coordinato da Lena Reimann dell’università di Kiel, Germania.

Il focus riguarda 49 siti che si trovano in sedici paesi del Mediterraneo, in prossimità delle coste. Sono ben tredici, purtroppo – ed è il Paese con il maggior numero di siti a rischio tra quelli esaminati – i luoghi Unesco italiani che rischiano di scomparire entro l’anno 2100.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.