Oltre cento ovuli di cocaina nascosti nell’addome, arrestato

Un cittadino di nazionalità nigeriana, sottoposto a controllo, ha manifestato nervosismo: i finanzieri hanno scoperto la droga e lo hanno arrestato

NAPOLI. Un cittadino nigeriano di 54 anni che trasportava, occultati nelle cavità addominali, 106 ovuli contenenti complessivamente 1,1 kg di cocaina, è stato arrestato nell’Aeroporto internazionale di Napoli dai finanzieri della tenenza di Capodichino e da funzionari dell’Ufficio delle dogane. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Capodichino, passeggero nigeriano con cocaina nell’addome

L’uomo, che proveniva da Parigi, è stato individuato attraverso un’analisi di rischio effettuata sui nominativi delle liste passeggeri provenienti non solo da località sensibili, ma anche da aeroscali nazionali collocati in modo nevralgico per raggiungere mete internazionali.

Il 54enne, dopo essere stato fermato dai militari, non ha fornito spiegazioni circa le motivazioni del transito e ha manifestato un anomalo nervosismo. È stato quindi sottoposto ad accertamenti tecnico-sanitari con i quali è stata riscontrata la presenza di corpi estranei all’interno dell’addome.

Ultimate le operazioni di recupero degli ovuli, la successiva analisi chimica eseguita sul contenuto degli involucri ha permesso di accertare che la sostanza trasportata era cocaina, pari a circa 3.800 dosi medie. Il narcotrafficante è stato così arrestato con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.