Celebrazioni San Gennaro, Confesercenti: “Sostenere i giovani”

Celebrazioni per la liquefazione del sangue di San Gennaro, qui di seguito una nota di Confesercenti interregionale e interprovinciale

NAPOLI. Celebrazioni per la liquefazione del sangue di San Gennaro, qui di seguito una nota di Confesercenti interregionale e interprovinciale.

San Gennaro, la nota di Confesercenti

Il presidente di Confesercenti Interregionale (Campania e Molise) e Interprovinciale (Napoli, Avellino e Benevento) Vincenzo Schiavo (anche console onorario della Federazione Russa in Napoli) ha partecipato questa mattina alla celebrazione del Miracolo di San Gennaro presso il Duomo di Napoli. Invitato, insieme ad altre personalità politiche, culturali e imprenditoriali della città, ha vissuto con emozione il prodigio della liquefazione del sangue del Santo.

Alla fine della Santa Messa ha commentato: «Anche oggi San Gennaro ha fatto il miracolo. La sua grazia rappresenta le speranze dei napoletani. Il Cardinale Sepe, nella sua omelia, ha giustamente ricordato a politici e imprenditori che è fondamentale dare futuro ai giovani impedendo che siano costretti ad abbandonare la loro terra per trovare la speranza di un futuro migliore. È stato, quello del Cardinale, un giusto richiamo all’ordine per i tantissimi rappresentanti istituzionali, della Campania e di Napoli, e imprenditori presenti. Un invito a impegnarsi a fondo per le nuove generazioni rivolto a chi, in questa città, può concretamente fare qualcosa. Impegnandoci tutti, possiamo riuscirci. Come presidente di Confesercenti, come console onorario della Federazione Russa e non ultimo in qualità di imprenditore – ha concluso Vincenzo Schiavo – avverto pienamente questa responsabilità. I ragazzi di Napoli non posso continuare a vivere solo di buone speranze. I nostri giovani vanno sostenuti e protetti e incoraggiati. Restituiamo certezza nel futuro ai nostri ragazzi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.