Case vacanza affittate in nero, nell’estate 2018 sono state il 50%

Nel corso dell'estate una casa vacanza su due è stata affittata in maniera irregolare. È quanto emerge dai controlli della gdf

NAPOLI. Nel corso dell’estate una casa vacanza su due è stata affittata in maniera irregolare. È quanto emerge – come riferito dall’Ansa – dai controlli della Guardia di Finanza su proprietari di seconde e terze case nelle località balneari, di montagna e nelle città d’arte da giugno a settembre.

I controlli della gdf

Su 1.477 controlli effettuati 902 sono risultati irregolari e, di questi, 753 sono risultati affitti in nero. Le regioni dove si sono registrati i casi più numerosi sono Puglia, Toscana e Lazio.

Tra i casi più eclatanti scoperti dai militari delle Fiamme Gialle quello di Pescara dove una ventina di persone che affittavano in nero abitazioni e b&b a turisti in vacanza nei comuni costieri, hanno evaso circa 350mila euro.

Ad una società immobiliare sono state contestate operazioni in evasione d’imposta per 150 mila euro mentre a Taormina sono stati scoperti veri e propri hotel fantasma: bed and breakfast completamente sconosciuti al fisco o appartamenti affittati in nero. I proprietari hanno omesso di dichiarare al fisco 130mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.