Braccialetti elettronici agli spazzini: scoppia la polemica

Una questione simile a quella che ha coinvolto i lavoratori di Amazon pochi mesi fa: i braccialetti elettronici arrivano anche per gli operatori ecologici

Una questione simile a quella che ha coinvolto i lavoratori di Amazon pochi mesi fa. A Livorno sono in arrivo i braccialetti elettronici per gli operatori ecologici. Questi serviranno a “certificare” lo svuotamento dei nuovi cestini contenenti i rifiuti.

Bracciale elettrici per gli operatori ecologici a Livorno

La notizia, riportata da Il Tirreno, ha scatenato subito le polemiche. La Fp Cgil nazionale oggi è insorta contro il sistema, spiegando che ricorda il caso dei braccialetti ideati da Amazon, e parlando di “misura inaccettabile che lede la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori”.

Il Comune di Livorno replica che “non c’è nessun controllo dei dipendenti” perché il braccialetto, dotato di tecnologia Rfid, “è privo di Gps e non monitora gli spostamenti o la produttività dei lavoratori”.

Il braccialetto, introdotto dall’azienda Avr che gestisce in appalto il servizio di pulizia strade per conto della municipalizzata Aamps, ‘dialoga’ con i 2500 nuovi cestini installati in città, che sono dotati di chip Rfid, ed emette un bip ogni volta che uno di questi viene svuotato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.