Bombe carta contro attività commerciali, il sindaco: “Reagiremo”

Il primo cittadino di Torre Annunziata, in una nota, ha commentato i recenti episodi ai danni di attività commerciali del territorio

vincenzo-ascione-sindaco-torre-annunziata-

TORRE ANNUNZIATA. «Il reiterarsi di atti intimidatori perpetrati ai danni di attività commerciali di Torre Annunziata – afferma il sindaco Vincenzo Ascione – sta creando in città un clima di tensione e preoccupazione. L’Amministrazione Comunale, tuttavia, è pronta a reagire con tutti i mezzi a sua disposizione per combattere questi fenomeni di natura criminale. Ancor prima che avvenissero questi gravissimi episodi era stato già programmato un incontro, che si terrà giovedì 25 ottobre, per rinnovare l’impegno del governo cittadino nella lotta alla criminalità, anche con il ripristino dell’Osservatorio per la legalità e la sicurezza. Ci attiveremo – conclude -, inoltre, anche con l’ausilio del presidio cittadino di “Libera”, al fine di organizzare una marcia per urlare a voce alta il disappunto dell’intera comunità nei confronti di tali episodi».

Il commento di sindaco e presidente consiglio comunale

Anche il Presidente del Consiglio Comunale, Rocco Manzo, ha voluto far sentire la propria voce dopo l’ennesima esplosione di una bomba carta contro un negozio.

«Nei prossimi giorni – spiega Manzo – ci adopereremo per convocare l’Assise cittadina in seduta straordinaria monotematica, aperta a giovani ed associazioni del territorio. Per l’occasione, verrà prodotto un documento unitario e condiviso da tutte le forze politiche da indirizzare al Ministero degli Interni, nel quale chiederemo un rafforzamento dei presidi delle forze dell’ordine sul nostro territorio. Ci tengo a sottolineare – conclude il Presidente – la sensibilità che ha mostrato sull’argomento il consigliere Pierpaolo Telese, il quale, a poche ore dall’ultima esplosione avvenuta la scorsa notte (la nota è stata emessa ieri, ndr), mi ha scritto in privato sollecitandomi a mettere in campo azioni concrete per dare risposte ai cittadini».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.