Baby gang, Carlo Costalli: “Si deve favorire la famiglia”

Le parole del presidente del Movimento cristiano lavoratori relativamente al preoccupante fenomeno delle baby gang: tutti i dettagli

Pomigliano d'Arco, violenze, rapina, baby gang, carabinieri, arresti

NAPOLI. “Il fenomeno delle baby gang ha ormai conseguenze preoccupanti”. Lo ha detto Carlo Costalli, presidente nazionale di Mcl, Movimento Cristiano lavoratori, commentando il plenum del Csm che si è tenuto a Napoli proprio sul tema delle baby gang. Lo riporta l’Ansa.

Le parole di Carlo Costalli

Costalli si dice “d’accordo” con la posizione espressa dal cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli, secondo cui “non servono risposte occasionali, ma tutti devono fare di più”. “Alla base – ha spiegato Costalli – c’è un problema educativo, di cui dobbiamo farci carico tutti, in primis noi cattolici di Mcl, le associazioni, la Chiesa, la scuola”.

E, dal suo punto di vista, “non bisogna dimenticare che negli anni si è cercato di ‘distruggere’ la famiglia”. “Una cultura che ha insperato per anni in Italia – ha affermato – ne ha ridotto il valore, una politica economica che non l’ha favorita. Abbiamo dato schiaffi alla famiglia e credo che anche i genitori abbiano allentato su alcuni valori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.