Assunzioni all’Eav, Usb: “Requisiti discriminatori per la selezione”

Assunzioni all'Eav, l'Usb provinciale contesta i requisiti di ammissione alla selezione. Qui di seguito una nota diramata dal sindacalista Adolfo Vallini

NAPOLI. Assunzioni all’Eav, l’Usb provinciale contesta i requisiti di ammissione alla selezione. Qui di seguito una nota diramata dal sindacalista Adolfo Vallini (esecutivo provinciale Usb lavoro privato).

350 assunzioni in EAV, la nota Usb

“È assolutamente inaccettabile che EAV abbia richiesto tra i requisiti essenziali, ai fini dello svolgimento di una specifica attività lavorativa come, ad esempio, l’Operatore di Esercizio, agente di stazione ed altro, il possesso del diploma di istruzione secondaria superiore di secondo grado con un voto minimo di 80/100.

Una causa di esclusione che determinerebbe una disparità di trattamento, una condotta discriminatoria, nella fase di accesso a una nuova occupazione, con caratteristiche e attitudini squisitamente tecnico-pratiche.

Auspichiamo che la ragionevolezza e il buon senso nella determinazione dei requisiti di ammissione non abbiano i connotati della discriminatorietà, vista la grave crisi occupazionale giovanile che attanaglia il paese, in particolare il sud, a causa delle politiche liberticide attuate dai precedenti governi di centro destra e centro sinistra, anche grazie all’introduzione del jobs act e alla cancellazione dell’art. 18”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.