Vertenza Anm, proclamato sciopero di 24 ore

L'Unione sindacale di base si schiera contro qualunque forma di privatizzazione dell'azienda e annuncia lo sciopero di 24 ore

sciopero-bus-anm

NAPOLI. No alla privatizzazione, anche se parziale, di Anm: è quanto ha ribadito, in una nota, l’Unione sindacale di base, proclamando uno sciopero di 24 ore per venerdì 10 novembre, con tanto di corteo per le strade della città.

“L’Unione Sindacale di base – si legge nella nota – ha sempre affermato che l’intesa raggiunta il 20 ottobre, in piena notte, tra il Comune di Napoli, l’Anm e i sindacati, seppur testimonia frammenti di buona volontà e disponibilità a superare la crisi, tutto avrebbe rappresentato fuorché uno strumento capace a evitare scenari ben più gravi per l’azienda di trasporto pubblico della città”.

“L’Anm è un bene comune – ha aggiunto il sindacato – di conseguenza occorre ribellarsi con forza a qualsiasi forma di privatizzazione, anche parziale, del trasporto pubblico locale, in ballo ci sono i diritti dei lavoratori, l’aumento delle tariffe e la riduzione del servizio spacciato per piano di efficienza”.

“Come Usb – conclude la nota – siamo impegnati a costruire una decisa polarizzazione di classe, invochiamo la “disobbedienza civile”, bisogna aprire con il governo la “vertenza Napoli/Campania” che rompa con le politiche di austerità, sacrifici e con i famigerati Patti di stabilità che stanno massacrando i nostri territori e – di conseguenza – i lavoratori delle partecipate”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.