Aggressione a Jorit, Lauro si scusa. Ma Bertini lo attacca

Il candidato sindaco di Marano di Napoli Mauro Bertini attacca il consigliere municipale di Napoli Pietro Lauro, candidato a Marano di Napoli

MARANO DI NAPOLI. L’aggressione del consigliere municipale di Napoli Pietro Lauro ai danni dell’artista Jorit ha ovviamente superato i confini di Napoli città e dell’accaduto si è appreso anche a Marano di Napoli, dove lo stesso Pietro Lauro è candidato al consiglio comunale a sostegno del candidato sindaco Pasquale Albano.

Pietro Lauro, su facebook, ha espresso la volontà di scusarsi pubblicamente con l’artista.

Tuttavia, il suo gesto è stato fermamente condannato e criticato da Mauro Bertini, candidato sindaco a Marano di Napoli.

Le parole di Mauro Bertini

“È notizia di poche ore che un esponente della destra cittadina (consigliere Municipale a Napoli) e candidato al Consiglio Comunale di Marano con una lista collegata a Pasquale Albano si è reso protagonista di un atto di intolleranza di grave gravità. Lo street artist Jorit è stato aggredito a Napoli mentre stava realizzando un dipinto raffigurante i volti di Ilaria Cucchi e di Sandro Pertini in via Menzinger all’Arenella. Questo episodio, purtroppo, ancora una volta mette sotto i riflettori le caratteristiche predominanti dei nostri competitor: intolleranza, aggressività e poco senso del dialogo sono le caratteristiche nella loro cultura politica. Pietro Lauro, infatti, oltre che appoggiare in questa tornata elettorale Albano, è stato candidato 5 anni fa nelle liste dell’allora sindaco Angelo Liccardo. La cosa mette in evidenza come le idee, i progetti e gli obbiettivi di Albano non siano diversi da quelli di Liccardo e con quali criteri entrambi abbiano composto le liste. Condanniamo duramente l’episodio di squadrismo fascista e quel modo di far politica che nel migliore dei casi porta la città all’ennesimo scioglimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.